Il punto

Parte il sito di Fiadda Roma con l'obiettivo di far conoscere il nostro punto di vista e nell'intento di offrire un contributo per un'informazione possibilmente corretta, pacata e chiara sulla sordità. Puntiamo certamente ad essere al passo con i tempi, arricchendo il sito con informazioni nuove e aggiornate. Desideriamo soprattutto...

Read more
A+ A A-

“Matilde” va in tv

Il corto di Vito Palmieri sarà trasmesso il 28 luglio sul canale di Sky Diva Universal, dopo la partecipazione a “Sotto le stelle del cinema” di Bologna e al Giffoni Film Festival “Matilde”, il cortometraggio del regista pugliese Vito Palmieri, vincitore della sezione Kids del Tiff (Toronto International Film Festival), del Festival del cinema europeo di Lecce e del Riff (Rome Independent Film Festival), sarà trasmesso domenica 28 luglio alle ore 21 sul canale 128 di Sky Diva Universal. Il corto è stato acquistato dalla rete grazie a un premio vinto al Social World Film Festival di Vico Equense.

“Matilde”, cortometraggio interamente interpretato da attori sordi prodotto dalla bolognese Agfa/Fiadda (Associazione genitori con figli audiolesi) in collaborazione con Maxman coop, Elenfant Film e Immaginarium ArtComStudio, racconta di una bambina dall’intelligenza vivace e dalla personalità spiccata che tra i banchi di scuola vive un disagio che sarà capace di superare da sola con la sua forza di volontà. A luglio “Matilde” farà parte anche della rassegna estiva di Bologna “Sotto le stelle del cinema”. Il corto sarà proiettato giovedì 25 luglio alle 21.45 in piazza Maggiore, dopo la presentazione del regista che sarà sottotitolata in diretta a cura dell’Agfa/Fiadda. Seguirà la proiezione del film “La tela animata”.

Dopo i successi nei festival italiani e internazionali, “Matilde” sarà in concorso al Giffoni Film Festival nella sezione cortometraggi. Sarà proiettato sabato 27 luglio alle ore 10 alla Cittadella del cinema nella sala Truffaut. Vito Palmieri, nato a Bitonto nel 1978, si laurea in Filmologia al Dams di Bologna. Ottiene i primi apprezzamenti da critica e pubblico nel 2006 con “Tana libera tutti”, finanziato dal Mibac e candidato nello stesso anno ai David di Donatello. Dopo “Se ci dobbiamo andare, andiamoci” (2009), presentato al festival Human Rights di Bologna, ed “Eclissi di fine stagione” (2010), selezionato al Giffoni Film Festival nella sezione Diritti umani, nel 2010 Palmieri approda al documentario con “Il Valzer dello Zecchino - Viaggio in Italia a tre tempi”. Il film vince il primo premio come miglior documentario all’Annecy Cinéma Italien e il premio della giuria al Festival Arcipelago. Nel 2012 dirige “Anna bello sguardo”, un omaggio a Lucio Dalla, proiettato in anteprima assoluta al Festival “Visioni italiane 2013”.  

back to top

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare la tua esperienza utente e per studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie sono impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information